Nella Comunità Terapeutica Assistita “Major srl”, ciascun operatore sa di trovarsi impegnato in una “avventura volta a riempire e gratificare l’esistenza di persone già tanto segnate dalla sofferenza, sapendone cogliere i bagliori dell’intelligenza con afflato etico”. (Tripi E, et al., 2001).

La comunità opera privilegiando il lavoro d’équipe, aperta all’interscambio del ruoli nel rispetto delle competenze specifiche; l’équipe si ripropone continuamente al fine di mantenere stabilità emotiva al suo interno e nel rapporto con gli ospiti,

i sapere apprendere dall’esperienza e di crescere per essere capace di assumersi responsabilità, per porsi in modo spontaneo nei confronti degli eventi e nei rapporti con i pazienti.

L’equipe coinvolge attivamente gli ospiti – ed i congiunti quando è possibile - per fondare una relazione clinico-riabilitativa attraverso tecniche, espedienti, passaggi multimodali, nell’intento di creare un gruppo di lavoro capace di agire in modo interconnesso,

he divenga capace di modificare il mondo interno di ciascuno e la stessa relazione intragruppale. Fare, agire, rapportarsi, relazionarsi, coinvolgere, dare senso agli atti della vita quotidiana, offrire sostegno alla famiglia degli ospiti è il leit motiv della Comunità.






L'organizzazione della struttura è completata da 8 infermieri, 10 ausiliari socio sanitari, 10 animatori, educatori e/o Tecnici dell’Educazione e Riabilitazione Psichiatrica.